ANIMALI & PALAZZI

animali & palazzi

Puntata di lunedì 29 novembre

Con Gianluca Felicetti, presidente della LAV.

ASCOLTA IL PODCAST

In evidenza questa settimana. Legge di bilancio molto deludente. Non solo non figurano misure specifiche per la tutela degli animali, ma il testo uscito da Palazzo Chigi prevede norme a sostegno degli allevamenti: confermata, infatti, la compensazione Iva per le cessioni di bovini e suini vivi. È scaduto oggi il termine per la presentazione degli emendamenti. Si segnalano gli emendamenti per ottenere l’abbassamento dell’Iva per le spese veterinarie e alimenti per animali, attualmente al 22%. Inoltre, altri emendamenti prevedono norme per favorire la conversione degli allevamenti di visoni. Attesa anche l’ordinanza del Ministro della Salute con la proroga della sospensione dell’attività negli allevamenti di visoni. Al riguardo si segnala l’interrogazione presentata dall’on. Patrizia Prestipino, tesa a chiedere la chiusura definitiva degli allevamenti da pelliccia in Italia.

Nella Commissione Agricoltura della Camera sono previste le votazioni degli emendamenti sulle proposte di legge in materia di danni all’agricoltura provocati dalla fauna selvatica.

Si segnala, infine, nella Commissione Affari costituzionali di Montecitorio l’iter delle pdl sulla disciplina dell’attività di relazioni istituzionali per la rappresentanza di interessi, volta a garantire maggiore trasparenza relativamente alle attività di lobbyng.

Fuori dai Palazzi: sospesa l’uccisione dei mufloni all’Isola del Giglio, grazie alle forti proteste contro questo crudele e inutile massacro annunciato. La Regione convoca le associazioni animaliste per trovare una diversa soluzione.

Buon ascolto…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.