DAL PNRR AI BANDI EUROPEI. GUIDA PRATICA PER ACCEDERE AI FONDI

Copia di Copia di Copia di FUTURO CHIAMA EUROPA

Puntata di martedì 8 febbraio, ore 18.00

Con la partecipazione dell’on. Paola DEIANA (M5S), Commissione Ambiente della Camera e Simone ADDARI, esperto in europrogettazione di BSS-P&C Italia

ASCOLTA IL PODCAST

La ripresa economica e sociale del Paese dipenderà da quanto l’Italia sarà pronta ad utilizzare al meglio le risorse messe a disposizione dal Pnrr e dalla Programmazione pluriennale europea 2021/27 (bandi europei diretti). In quest’ottica, lo scopo di questa rubrica è fornire informazioni chiare e precise per cogliere al meglio le opportunità del Next Generation EU.

In questa puntata, con l’on. Paola Deiana, membro della Commissione Ambiente della Camera, e il dott. Simone Addari, esperto in europrogettazione di BSS-P&C Italia, abbiamo presentato due bandi riferiti alla gestione dei rifiuti attraverso la creazione di nuovi modelli tecnologici di smantellamento. Nello specifico, si tratta del:

Bando Pnrr per la “Realizzazione di nuovi impianti per il riciclo dei rifiuti plastici (attraverso riciclo meccanico, chimico, Plastic Hubs), compresi i rifiuti di plastica in mare cd. Marine litter”

– e del bando europeo diretto denominato “Circular flows for solid waste in urban environment (Processes4Planet Partnership) (IA)”, che prevede un finanziamento del 70% a fondo perduto incentrato sulla neutralità climatica e sulla produzione circolare tecnologica e digitale.

BSS-P&C Italia ha messo a disposizione uno “sportello” per fornire ad imprese, Enti locali e singoli cittadini, maggiori informazioni sulle linee d’intervento attualmente disponibili sia per i bandi diretti che quelli del Pnrr, nonché per fornire assistenza tecnica per redigere un progetto. Scrivi a: fondi.eu@servizibss.it

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.