GUERRA RUSSIA-UCRAINA. IL PONTE DI SOLIDARIETÀ PER SALVARE I PROFUGHI.

ore 11.00 - IN PARLAMENTO, con l'on. Simone Billi e Giovanni Baldantoni

Puntata di mercoledì 2 marzo, ore 11.00

Con l’on. Simone BILLI, presidente del Comitato per gli italiani all’estero della Camera dei deputati e Giovanni BALDANTONI, Segretario dell’Associazione Cuochi Italiani – Romania.

ASCOLTA IL PODCAST

Dall’inizio del conflitto armato, migliaia di cittadini ucraini sono stati costretti ad abbandonare le loro case, i loro affetti, e tutto ciò che possedevano per sfuggire dalla guerra. Immediatamente si è creato un ponte di solidarietà per soccorrere e dare rifugio a quante più persone possibile. In quest’ambito la catena solidale creata dall’Associazione Cuochi italiani in Romania, sta fornendo non soltanto viveri al confine con l’Ucraina ma, con le altre associazioni in loco, si sta creando una rete per ospitare queste “famiglie spezzate” in Italia e nei vari Paesi europei. Si tratta soprattutto donne e bambini, mentre gli uomini sono rimasti in Ucraina a combattere per la libertà del loro Paese. Adesso, però, il lodevole supporto offerto dai volontari italiani all’estero abbisogna di un coordinamento con le istituzioni nazionali, ci ha spiegato Giovanni Baldantoni, Segretario di ACI. Un appello che l’onorevole Simone Billi, che rappresenta proprio gli italiani all’estero, non lascerà inascoltato.

In questo momento c’è bisogno del supporto di tutti. Chi vorrà potrà donare, anche soltanto un euro, alle seguenti coordinate bancarie:

ASSOCIAZIONE CUOCHI ITALIANI

RON : RO52INGB00009999 09595797

EUR: RO47INGB00009999 09595887

SWIFT INGBROBU

ING Bank N.V. Amsterdam Sucursala Bucuresti

CAUSALE: donazione pro ukraina

Buon ascolto…

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.