IL “SALVA MARE” È LEGGE!

c5b2a2e482407a5050332ac8dc6975a9

Puntata di venerdì 13 maggio, ore 18.00

Con Paola DEIANA (M5S), membro della Commissione Ambiente della Camera dei deputati

ASCOLTA IL PODCAST

Ci sono quasi due anni, ma oggi finalmente il provvedimento c.d. “Salva Mare” è diventato legge dello Stato. Un altro grande obiettivo in tema di tutela dell’ambiente e degli ecosistemi raggiunti in questa Legislatura. Il “salva mare” costituisce uno strumento importante per ripulire le acque marine, dei laghi, dei fiumi e delle lagune, dai rifiuti.

La dispersione della plastica nell’ambiente marino è uno dei drammi ambientali più gravi e preoccupanti a livello planetario. Le materie plastiche, infatti, rappresentano fino all’85% dei rifiuti marini trovati lungo le coste, sulla superficie del mare e sul fondo dell’oceano. Per dare un’idea della portata di questo disastro ambientale: a livello mondiale ogni anno vengono prodotte circa 300 milioni di tonnellate di materie plastiche, di queste almeno 8 milioni di tonnellate si perdono in mare. Solo nel nostro Mediterraneo, il 95% dei rifiuti è composto da plastica e 134 sono le specie vittime di ingestione da plastica (tra cui tutte le specie di tartaruga marina).

La nuova normativa, introdotta con il “salva mare”, permetterà ai pescatori di raccogliere i rifiuti plastici dal mare e ottenere un apposito certificato ambientale. Sembra assurdo, ma fino ad oggi pescatori erano costretti a ributtare in mare i rifiuti per non incorrere nel reato di trasporto illecito di rifiuti. Questa stortura legislativa, è stata finalmente superata. Nel Salva Mare sono previste anche apposite azioni per sensibilizzare la collettività verso comportamenti virtuosi, così come regole più semplici per la raccolta e lo smaltimento della biomassa spiaggiata a seguito delle mareggiate.

Buon ascolto…

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La Radio che Ascolta prima di essere Ascoltata!

SOSTIENI RADIO SPARLAMENTO

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO PER POTER CONTINUARE AD  OFFRIRE UN’INFORMAZIONE LIBERA,  INDIPENDENTE E COMPETENTE. UN CONTRIBUTO MINIMO POTRÀ FARE LA DIFFERENZA PER IL NOSTRO LAVORO.